Sharmjla

Il suo cammino alla ricerca della possibilità dell’essere umano di essere felice e di vivere in uno stato di Amore e di apertura alla Vita, inizia molto presto. Dall’inizio, gli studi classici e umanistici le offrono un mondo che può essere poetico, magico, in cui è possibile accedere a livelli emotivi molto alti, di grande benessere e meraviglia. Gli strumenti sono stati più difficili da trovare, e mano, mano, come in una caccia al tesoro, un indizio portava all’altro, con stazionamenti a volte molto, molto lunghi in una tappa, perché la comprensione doveva essere profonda…
Si laurea al D.A.M.S. di Bologna, alla facoltà di Lettere e Filosofia, e nella, seppur breve, esperienza teatrale, verifica la difficoltà e la magia del contattare le emozioni. Quelle dolorose, gioiose, e quelle “sconosciute”, riposte in qualche angolo, lontano dalla coscienza.
Per approfondire ed entrare sempre di più nei meccanismi delle relazioni umane sceglie di lavorare nel mondo del “sociale”, nelle situazioni di disagio e “a rischio”, prediligendo, per lo più, gli interventi sulle donne, in particolar modo sulle madri, colpita da quanto questo stato fosse meraviglioso e allo stesso tempo portatore di grandi difficoltà
Consegue, per questo, il titolo di Educatrice Professionale presso la facoltà di Scienze dell’Educazione, all’Università di Roma III.
Questa lunga esperienza, durata circa dieci anni, la porta a considerare quanto sia difficile uscire dai propri schemi mentali, dai propri circuiti ripetitivi ed automatici. La difficoltà di realizzare un cambiamento nella propria vita, pur vedendone e comprendendone i meccanismi, a volte distruttivi.
Comprende la necessità di acquisire ulteriori strumenti per accedere ad una conoscenza di sé che andasse al di là di ciò che la mente permette. Per arrivare a quegli strati profondi in cui c’è la possibilità di avere delle risposte.
Arriva al Counseling, frequentando un Master biennale e conseguendo il Diploma in “Counseling Professionale e gestione dei conflitti relazionali”, presso A.S.P.I.C.- Mediare, a Roma.
Il Counseling si rivela un passaggio determinante
L’approdo al Tantra, conosciuto attraverso numerosi corsi, stage, contatti con diversi maestri tantrici (Daniel Odier, Eric Baret, Annie Tribouillet, Nathalie Delay) è stata una scoperta inaspettata e imprevista che la conduce là dove cercava di andare da tanto tempo: la non dualità.
Quello che, infatti, si cerca affannosamente per tutta la vita è strettamente legato alla paura della solitudine, al sentirsi separati dagli altri. Il Tantra è l’unione col Tutto, è la connessione con l’altro, la pienezza nel Cuore.
Il Tantra fornisce l’elemento mancante, e costituisce la chiave di volta. Qui c’è la risposta a tutto. L’unione, l’equilibrio, la Gioia, l’Amore.
Ma anche la relazione di coppia. Il Maschile, il Femminile.
Sharmjla porta nel gruppo una profonda comprensione del Tantra, del Femminile e della relazione uomo-donna.  Sa creare stati di intensa connessione di Cuore con se stessi e con l’altro, fino a far scomparire ogni barriera mentale che ostacoli stati di unione profonda.
Insieme ad Antonio mostra al gruppo la concreta possibilità di realizzare quella unione energetica tra Maschile e Femminile in grado di accendere un circolo virtuoso tale da avviare il processo di guarigione delle antiche ferite che affliggono il rapporto tra uomo e donna.

* Campo obbligatorio